Caricamento Eventi

Trekking con bivacco nel Supramonte di Orgosolo

26-27 Giugno 2021

Prenota subito! Clicca qui

Dolina di Su Sercone

Una due giorni di trekking e l’esperienza unica di passare la notte in Supramonte, nel meraviglioso territorio di Orgosolo. Ci immergeremo completamente nella natura aspra e selvaggia del Supramonte, tra gli alberi millenari di Sas Vaddes e l’imponente dolina di Su Suercone, fino a arrivare a Giunturas, toccando il Supramonte di Urzulei. Racconteremo le storie antiche degli eccezionali Nuraghi che visiteremo durante il percorso, ben tre: Nuraghe Nuraccheddu, Nuraghe Mereu, Nuraghe Presetzu Tortu.

In un percorso di due giorni ci immergeremo nell’atmosfera di questi luoghi ancestrali, andando a visitare i luoghi simbolo del Supramonte di Orgosolo. Il supporto di veicoli fuoristrada per gli avvicinamenti ai punti dove inizieremo e concluderemo il trekking, e per il trasporto dei bagagli da portare al campo base, ci permetterà di godere pienamente dei percorsi di trekking senza essere eccessivamente appesantiti e di godere una bella cena tipica attorno al fuoco.

Accompagnano il gruppo:

Ilaria Montis: archeologa professionista iscritta al registro regionale delle guide turistiche.

Pietro Biancu e Tore Gungui, guide ambientali-escursionistiche RAS (Camineras de Orgosolo).

Weekend nel cuore del Supramonte di Orgosolo

Nuraghe Mereu e sullo sfondo la Gola di Gorropu

PROGRAMMA DI TREKKING CON BIVACCO NEL SUPRAMONTE DI ORGOSOLO

Sabato 26 Giugno

Appuntamento con il gruppo alle ore 7.00 di fronte alla caserma dei carabinieri di Orgosolo. Vedi mappa

Dal paese dopo circa 1.30 h di percorso in fuoristrada raggiungeremo l’attacco del sentiero in località Iscala de S’Arenargiu, nei pressi di Punta Solitta. Da qui parte un percorso quasi tutto in leggera discesa che, incrociando alcuni antichi ovili tradizionali (Taletto, Pistoccu e Serra ‘e Mesu), permette di giungere in meno di due ore a Su Sercone.

Su Siercone

Sull’orlo di questa enorme conca dalla forma a imbuto, lo spettacolo è impressionante per la sua imponenza. Con una larghezza di 500 metri e una profondità di 200, è la più profonda dell’isola. Su Sercone è una delle mete più ambite dell’escursionismo in Sardegna anche per la sua importanza naturalistica e ambientale con numerosi endemismi e specie selvatiche animali.

Le sue pareti scendono quasi verticalmente, avvolte da una vegetazione lussureggiante e incontaminata, caratterizzata da dimensioni superiori alla norma, con tassi pluricentenari alti fino a 20 metri. Sul lato settentrionale si apre un ampio e profondo inghiottitoioprobabilmente collegato con il complesso sistema di grotte e condotti che percorre il sottosuolo di tutto il Supramonte.

Campo Donanigoro

Da qui un breve tratto di poche centinaia di metri conduce a Campo Donanigoro, una vastissima distesa pianeggiante contesa per molti secoli tra i pastori dorgalesi e orgolesi per la preziosa risorsa dei suoi verdi pascoli. Tutto intorno a circondarlo le bianche cime dei rilievi del supramonte e gli abbondanti resti di un’antica frequentazione anche in epoca nuragica, tra cui il complesso archeologico di Su Nuracheddu. Il Nuraghe Nuragheddu è avvolto dal mistero, una delle ipotesi è che non sia mai stato terminato. La bellezza del luogo, la sua tranquillità, il grande silenzio e la presenza di queste testimonianze del passato fanno di Campo Donanigoro un luogo unico e magico. Da qui ci dirigeremo  verso l’Ovile Janna ‘e Cori, arrivando poi al termine del percorso a sas Vaddes, dove sistemeremo il campo base. Ma prima termineremo la giornata con la visita alla profonda e suggestiva voragine di Su Disterru, situata sull’omonimo pianoro carsico.

Sas Vaddes

Sas Vaddes è un’antica lecceta plurisecolare unica in tutto il Mediterraneo per caratteristiche ed estensione ed una delle poche foreste primarie di tutta Europa. Qui gli alberi alti fino a 25 metri creano atmosfere uniche. Qui ci fermeremo per trascorrere la notte in tenda.

Domenica 27 Giugno

Partiremo da Sas Vaddes per raggiungere il bellissimo Nuraghe Mereu, dall’insolito aspetto chiaro per via dei grandi massi di bianco calcare con cui è costruito. La sua posizione isolata ne ha garantito l’integrità e da qui è possibile godere di un panorama eccezionale che spazia su buona parte del Supramonte fino all’imponente Gola di  Gorropu.

Nuraghe Presetzu Tortu

Dal Nuraghe Mereu proseguiremo verso il Nuraghe Presethu Tortu o Gorropu. La sua struttura è condizionata dalla forma allungata dello sperone roccioso su cui sorge, con una parete strapiombante per una notevole altezza sui lati nord e ovest. Sul versante est è protetto da un grande bastione allungato che è leggibile nella sua completezza e si conserva bene anche in elevato. Dalla cima del Nuraghe avremo un’altra prospettiva sul Supramonte e potremo vedere anche il vicino Nuraghe Mereu.

Proseguiremo scendendo verso il letto del Flumineddu fino Sa Giuntura, luogo di particolare fascino, dove le anse profondamente erose del Riu Flumineddu creano un ambiente unico e molto suggestivo.

Dopo la pausa pranzo faremo il percorso inverno risalendo a Sas Vaddes.

Il termine delle attività è previsto per le ore 18.00.

PRENOTA SUBITO! CLICCA QUI

Sa Giuntura, le pieghe del Flumineddu

QUOTE DI PARTECIPAZIONE

La quota di partecipazione per il programma del weekend è di 260 euro: 50 da versare al momento della prenotazione, il resto in contanti.

Costi compresi: servizio guida archeologica e escursionistica a cura di Sardegna Sacra e Camineras de Orgosolo; trasporto in fuoristrada per l’avvicinamento al punto di inizio del trekking e rientro (ogni tragitto ha la durata di circa h 1,30); cena tipica del sabato preparata sul posto e colazione della domenica a base di prodotti tipici; servizio navetta per il trasporto dei bagagli sino al campo base di Sas Vaddes.

Costi non compresi: pranzo al sacco per sabato e domenica, trasporto fino a Orgosolo con auto propria.

Indicazioni:

L’evento è aperto a tutti e non presenta particolari difficoltà, si richiede tuttavia una buona salute e normale resistenza alle camminate con abitudine ai percorsi di trekking. Non è necessario essere escursionisti esperti.

Cosa Portare:

Scarpe da trekking (obbligatorie, per motivi di sicurezza non saranno accettati partecipanti sprovvisti delle scarpe), torcia, acqua, pranzo al sacco per sabato e per domenica, zaino da trekking, acqua, cappellino per il sole e protezione solare, felpa o giacca e pantaloni lunghi e abbigliamento caldo per la notte, tenda e sacco a pelo per la notte in bivacco.

Weekend nel cuore del Supramonte di Orgosolo

ATTENZIONE! Per motivi logistici l’evento è aperto a un NUMERO DI PARTECIPANTI LIMITATO (Max 10 persone).

SCADENZA ADESIONI 21 Giugno.

ISCRIVITI SUBITO!! CLICCA QUI

Per maggiori info chiama pure o scrivi: 320 8492880, sardegnasacra@gmail.com